Lavorare all’estero

1415781133_shutterstock115046062Lavorare all’ estero può avere due accezioni, innanzitutto cambiare la propria vita e decidere di trasferirsi definitivamente oppure scegliere di lavorare all’ estero per perfezionare la propria professione per poi tornare in Italia e spendere la propria esperienza. In questo caso, come per la eventualità di studiare all’estero, è opportuno avere le idee ben chiare e scegliere un paese che ci assicuri di poter investire sulle opportunità e su noi stessi.

Ci sono diversi siti internet che offrono la possibilità di valutare delle proposte di lavoro all’estero, ma innanzitutto è necessario conoscere tutte le procedure burocratiche e amministrative che occorrono, partendo dal riconoscimento delle nostre esperienze in Italia e delle nostre qualifiche o diplomi fino alla certificazione del nostro status, al beneficio di determinati sussidi che possono essere trasferiti dall’Italia. Esistono settori professionali più gettonati ed altri meno.

L’analisi di ciò che saranno l’accoglienza, gli usi e le consuetudini dei paesi prescelti ci evitano impatti forti e avvilenti, che soprattutto all’inizio ci possono spiazzare e rendere più difficile l’inserimento.

Un adeguata preparazione e orientamento alla decisione ci permette di essere più consapevoli delle scelte. CreaLavoro mette a disposizione innanzitutto l’esperienza e poi certamente la competenza soprattutto delle attività burocratiche, nella traduzione del curriculum vitae e, non per ultimo, nella valorizzazione delle esperienze professionali da trasferire ai potenziali datori di lavoro all’estero.

Comments are closed.